KJ: relazione XXXIV Convention Kiwanis International Italia San Marino

RELATORE IL GOVERNATORE SAVERIO GERARDIS

Autorità kiwaniane, signore, signori, carissimi amici, quest’anno kiwaniano è stato realmente intenso e ricco di avvenimenti e, ripensando a quanto scritto nella mia relazione programmatica, mi accorgo di essere riuscito a rispettare nella loro totalità tutti gli obiettivi prefissati.

Innanzitutto sono fiero di aver dedicato il mio anno da Governatore al mio grandissimo amico Giampaolo Ravasi, Past Presidente Europeo del Kiwanis International, che non mi stancherò mai di definire il kiwaniano più carismatico che abbia mai conosciuto, grazie al logo che ha caratterizzato la stagione, il suo ricordo e il suo il motto “Kiwanis yesterday, Kiwanis today, Kiwanis tomorrow and forever”,  resteranno indelebili nella mente di tutti i kiwaniani.

Mi preme evidenziare la nascita di ben nove club, Caltagirone, Catanzaro, Milazzo, Perugia, Pescara, Pisa Cherubino, Reghion 2010, Salerno, Tauromenium Valle Alkantara più altri due, Palermo e Piazza Armerina, che a breve termineranno le procedure di richiesta della Charter. Alcuni tra questi, Perugia, Reghion e Salerno, con vero orgoglio, li considero come dei veri e propri figli, per aver presenziato a tutte le riunioni precedenti alla loro fondazione durante le quali sono stati reclutati i soci.

Nel contempo siamo riusciti a mantenere in vita e a far risorgere molti Club storici, che faticavano a realizzare il ricambio generazionale, che è fondamentale per rimanere in vita nel tempo.

I rapporti col Kiwanis International Distretto Italia-San Marino sono stati ottimi, devo ringraziare in primis il Governatore, l’amico Salvatore Costanza, che oltre a confermare i suoi impegni assunti ad inizio anno di aumentare di duemila euro il contributo del Distretto, ha sempre cooperato con noi promuovendo la nascita di nuovi Club Kiwanis Junior in tutte le città da lui visitate. Ovviamente la sua scelta di nominare Pippo Spampinato come Adviser si è rivelata vincente, perché con la sua saggezza, è stato per noi tutti un vero e proprio fratello maggiore consigliandoci nei momenti opportuni le strategie migliori da seguire. Inoltre tantissimi officers hanno collaborato con me, dall’infaticabile Rosalba Fiduccia, che da dieci anni mette in risalto tutte le nostre iniziative sul sito Kiwanis.it ad Alfredo Lisi, da Valeria Gringeri a Florio Marzocchini, da Antonio Maniscalco a Giovanni Tommasello, e a tutti i Luogotenenti, da Salvatore Garraffo, a Marcello Barbaro, da Carlo Turchetti a Francesco Sicari, da Mimmo Morello a Daniele Bressan, da Pino Caraci a Pino Afflitto, e soprattutto un ringraziamento particolare a nome di tutto il Kiwanis Junior Distretto Italia va a Giuseppe Cristaldi, che, oltre a registrare gratuitamente lo Statuto distrettuale, ha donato al Distretto ingenti somme sia per il service, sia per il perseguimento degli scopi sociali.

Il service di quest’anno come tutti voi sapete si chiama “Kiwanis Junior Pro Special Olympics”, Special Olympics è un’Associazione internazionale, che attraverso l’organizzazione di allenamenti, competizioni atletiche ed eventi sportivi, utilizza lo Sport come mezzo per una piena integrazione nella società delle persone con disabilità intellettiva.

Oltre all’impegno dei singoli Club, che hanno attuato svariate iniziative, dalla raccolta fondi per adottare gli atleti, ai convegni promozionali allo scopo di far conoscere meglio le finalità di quest’Associazione, il Kiwanis Junior Distretto Italia ha adottato tre atleti che hanno tenuto alti i colori azzurri e il nome del Kiwanis Junior ai Giochi Mondiali Special Olympics di Atene svoltisi dal 25 giugno al 4 luglio. Si è deciso di adottare tre atleti, rappresentativi delle tre grandi aree nazionali: il nord, il centro e il sud. Per il nord Daniele Carlini, che con la nazionale di pallavolo ha conquistato la medaglia di bronzo, per il centro Katia Di Marzio, che in tre discipline dell’equitazione ha conquistato una medaglia d’argento, un quinto e un sesto posto, per il sud Michele Lombardo, che nel nuoto ha conquistato un argento nei 25 dorso e un bronzo nei 25 stile libero. Complimenti ai nostri tre alfieri che insieme agli altri 133 atleti hanno regalato tantissime emozioni, con le loro vittorie, ma soprattutto con la loro partecipazione, perché i valori propugnati da Special Olympics si fondano sui nobili valori decubertiniani, che trovano la loro più alta espressione nel giuramento che gli atleti recitano prima di ogni gara: ”Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”.

Oltre al service distrettuale “Kiwanis Junior Pro Special Olympics”, abbiamo sostenuto questa prima fase del progetto “ELIMINATE”, il service mondiale pluriennale del Kiwanis International, che, in collaborazione con l'UNICEF, si prefigge di eliminare il TMN, il tetano della madre e del neonato. Alcuni Club hanno raccolto perfino ingenti fondi, ma la maggior parte ha promosso la conoscenza del progetto sia a livello locale sia a livello globale grazie ad internet e soprattutto grazie a Facebook.

Un punto fondamentale del mio programma erano i Training Distrettuali, che quest’anno non sono stati più due, come tradizione, ma quattro, uno per Divisione, per favorire una maggiore partecipazione di tutti i soci della Divisione, riducendo le distanze di viaggio per raggiungere le sedi e abbattendo i costi.

Il Training Distrettuale Divisione A si è svolto ad Agrigento.

Il Training Distrettuale Divisione B si è svolto ad Acireale.

Il Training Distrettuale Divisione D si è svolto a Reggio Calabria.

Il Training Distrettuale Divisione E si è svolto a Cremona.

I lavori sono stati tenuti da una qualificata equipe di trainers coadiuvati dal Trainer Distrettuale il Past Governatore Francesco Garaffa.

Inoltre abbiamo recuperato la Conferenza Distrettuale dei Presidenti dei Club Kiwanis Junior, che si è svolta a Palermo. Ritengo sia stata un’ottima opportunità di crescita e di confronto per l’intero Distretto, perché ha permesso ai Presidenti di esprimere le proprie idee, di riferire direttamente l’operato del proprio club e contemporaneamente attingere idee da poter emulare nella propria realtà.

Ricordo infine che nel corso della XXI Convention del Kiwanis Junior Distretto Italia, svoltasi il mese scorso a Gambarie, località montana in provincia di Reggio Calabria, oltre ai tradizionali premi distrettuali intitolati alla memoria di Fabrizio Ciriminna e Antonio D’Amico, due giovani kiwaniani prematuramente scomparsi, e al Premio Distrettuale Kiwaniano Junior dell’Anno intitolato alla memoria di Giampaolo Ravasi, ho consegnato due targhe alla memoria di due Kiwaniani che hanno lasciato un profondo ricordo in noi giovani del Kiwanis Junior: Antonio Meli del Kiwanis Club Canicattì e Carmelo Carisi del Kiwanis Club Agrigento.

In chiusura permettetemi di fare un ulteriore ringraziamento a Giuseppe Cristaldi per aver conferito a me, al Segretario Distrettuale Francesco Cardile e al Presidente del Kiwanis Junior Club Fabulinus Cremona Alberto Carubelli la prestigiosa onorificenza kiwaniana George F. Hixson Fellowship, che rappresenta un’enorme soddisfazione non solo noi, ma per tutto il movimento giovanile kiwaniano, perché per la prima volta nella storia quest’ambitissima onorificenza è andata a dei membri del Kiwanis Junior.

Vi ringrazio per l’attenzione e concludo ricordandovi il mio motto: “L’Amicizia Abbatte le Barriere”!