K.C. Bergamo Sant’Alessandro – Premio Kiwanis 2024

UN VIDEO SUL NATALE DALLA SCUOLA SECONDARIA 1° “PODESTI” DI ANCONA

Le insegnanti Elisabetta Becherini e Miriam Scafiti
Lo striscione realizzato dai bambini

Promossa da Kiwanis Club Bergamo S.Alessandro, torna la grande iniziativa che invita le scuole a raccontare la propria famiglia nei suoi vari aspetti e realtà. Dai nonni ai giochi, dall’ambiente di casa al lavoro di mamma e papà, dalle gite insieme ai sogni di tutti, dalle Feste (Natale, Pasqua) agli hobby. E occhio ai premi: tanti BUONI ACQUISTO per la propria scuola!

Raccontare la propria famiglia, parlare dei propri genitori, dei propri fratelli e sorelle, narrare “come” si vive all’interno delle mura della propria casa, le proprie giornate, ricordando episodi e momenti lieti o tristi che si sono vissuti insieme, i piccoli e grandi gesti che si compiono quando si vive insieme e si sogna insieme.

E’ questa la finalità della sesta edizione dell’iniziativa “Ti parlo della mia famiglia” che Kiwanis Club Bergamo S.Alessandro, OKAY! e Funtasy Editrice, dopo il grande successo delle precedenti edizioni, promuovono a livello nazionale tra le scuole materne, scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie. Come noto, l’iniziativa è stata creata dai kiwaniani Anna Scarpellini e Carlo Bruno, insieme ad OKAY!

FINALITA’

La finalità è quella di dare spazio, visibilità e attenzione alle voci di ragazze e ragazzi, offrendo loro l’opportunità di pensare alla realtà della propria famiglia e raccontarla con semplicità e spontaneità, nelle sue scene e nei suoi momenti quotidiani, nelle giornate felici e anche in quelle più tristi. Ma anche di fissare – in  un semplice commento, in un semplice pensiero, in un semplice disegno – il bello di vivere con i propri genitori, i propri fratelli e sorelle, con i nonni, e perché no?, zie e zii, cugini e cugine… E ancora: i giochi, le gite, l’ambiente della casa, la nostra cameretta, le feste, il Natale, la Pasqua, la prima comunione, le vacanze, i nostri amici animali, gli hobby preferiti, lo sport e così via.

Dunque, l’iniziativa vuole proporsi come una opportunità per esprimere i propri sentimenti, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, i propri ricordi per esperienze, fatti e realtà che costituiscono il mondo della famiglia e la bellezza di vivere insieme con mamma e papà e con quanti condividono con noi i giorni della nostra vita.

COME ADERIRE

Attraverso messaggi, scritti, disegni ed immagini (come fotografie e piccoli video) la scuola italiana è invitata a raccontare storie, fatti, emozioni e situazioni che costituiscono l’esperienza di vivere in famiglia, da cogliere e raccontare nei suoi vari componenti, nelle sue diverse situazioni, nelle difficoltà e nelle gioie di ogni giorno.

Attraverso le varie forme della creatività e della piena libertà  espressiva, i partecipanti potranno eseguire lavori che illustrano le tematiche collegate alla famiglia, vista e disegnata nelle sue svariate realtà, scene e situazioni.

PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI

Gli elaborati potranno essere presentati nelle forme e con i supporti più vari: album, opuscoli, fascicoli, giornali scolastici, dvd, cd-rom, pen-drive, siti web e così via.

Tutti i lavori dovranno pervenire entro e non oltre il 15 aprile 2024 ad OKAY!  in formato elettronico leggero (foto, video, link a siti web) al seguente indirizzo email: okayredazione@gmail.com I lavori possono essere inviati anche attraverso Messenger dalla pagina NOI SIAMO OKAY! di Facebook. Si eviteranno così spese postali e dispendio di imballaggi e carta.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Una commissione giudicatrice selezionerà i migliori lavori pervenuti. Come nelle scorse edizioni, le scuole saranno premiate con BUONI ACQUISTO e bellissimi prodotti di utilità didattica nel corso di un evento pubblico nell’ambito delle iniziative per la Giornata per la Famiglia 2024 in una sede che verrà comunicata successivamente.  I migliori lavori saranno pubblicati online nei siti di Kiwanis e Okay!

 Per informazioni:

okayredazione@gmail.com

Lascia un commento